Come si fa un piano editoriale

Un buon piano editoriale ti permette di identificare tutti gli argomenti che aiutano i tuoi potenziali clienti a sceglierti e a produrli nel modo più economico, veloce e di lunga durata.

Milano, 25 ottobre 2018

310,00 150,00 + IVA Solo fino al 30/06/2018

Disponibile

Descrizione

Un buon piano editoriale ti permette di identificare tutti gli argomenti che aiutano i tuoi potenziali clienti a sceglierti e a produrli nel modo più economico, veloce e di lunga durata. Il piano editoriale per fare content marketing sul serio è multipiattaforma, gira intorno al tuo sito e non ai social e prospera nella terra di mezzo tra quello che tu vuoi dire e quello che i tuoi clienti vogliono sapere.

Impariamo a farlo insieme con un corso un po’ diverso dagli altri: ricevi, via mail, indicazioni utili per iniziare la fase più delicata e importante, la raccolta e mappatura delle informazioni e dei contenuti già a tua disposizione. 10 mail per arrivare in aula pronti a trasformare questi contenuti in un piano che funzioni, preparato imparando la lezione delle serie televisive. Più in dettaglio lavoriamo su:

Le basi del content marketing

  • la definizione dell’obiettivo
  • i funnel di conversione e il processo d’acquisto
  • la profilazione delle audience (leggendo Audience Insights e Analytics)
  • l’Oceano Blu dei contenuti
  • i processi di lavoro

Il timone editoriale

Usando i post-it creiamo la mappa degli argomenti da produrre, usando i colori per definire le priorità e le fasi del processo d’acquisto.

Episodi e frammenti

Partendo dal timone sceneggiamo la prima Stagione, dal post pilota fino alla puntata finale. Arriviamo così a definire il Piano editoriale vero e proprio, così organizzato:

  • la sintesi è una mappa di argomenti senza date, organizzati per episodi e con indicate le piattaforme di appoggio
  • la versione estesa, di produzione, è una sceneggiatura composta non di scene ma di contenuti, pensati e pre-prodotti per poter essere compresi e apprezzati come frammenti indipendenti e atemporali, mai sequenziali.
    • questi frammenti comprendono anche i contenuti pubblicitari, che vanno visti come approfondimenti dei singoli contenuti, pensati per rispondere alle domande di chi vuole saperne di più prima che lo vada a cercare

Tecniche di produzione

Per chiudere completiamo il piano editoriale con un piano di produzione, identificando tutti i momenti in cui possiamo realizzare i contenuti di cui abbiamo bisogno mentre facciamo altro. Il modo migliore per aumentare i profitti è ridurre i costi :-)

Come si fa un piano editoriale

Un buon piano editoriale ti permette di identificare tutti gli argomenti che aiutano i tuoi potenziali clienti a sceglierti e a produrli nel modo più economico, veloce e di lunga durata.

310,00 150,00 + IVA

Ti potrebbe interessare…