Corsi Vitamina, integratori di creatività

Anche online, con programma personalizzabile.

La riconoscibilità sensoriale negli occhi di un bambino

In questi giorni, come credo molti adulti, sto rivedendo tutta la saga di Guerre Stellari con un bambino: il mio ha otto anni, non è mio figlio, ma da quando era piccolo passa con me molto tempo e gran parte di questo tempo insieme lo passiamo guardando film. Il primo film vero che gli ho fatto vedere è stato ET e quando la mattina dopo si è svegliato chiedendo “ancora bambini in bicicletta” ho capito che, ancora una volta, il cinema è un rilevatore di affinità molto più potente dell’età (aveva tre anni). Un po’ di tempo dopo abbiamo visto insieme Guerre Stellari, quello vero, cioè il primo, cioè il quarto. Il padre e la sorella se lo sono dormito tutto, io mi sono emozionata come al solito, a lui è piaciuto, ma molto meno di altri film. Un po’ ne soffrii, ma poco.

Quest’estate torno alla carica: in vista dell’uscita di Episode VII a dicembre, gli dico, dobbiamo allenarci e arrivare preparati. Li rivediamo tutti insieme, ti va? Gli va. La sorpresa, però, è che complice il marketing ma soprattutto il transmedia editoriale – videogiochi! fumetti! parodie! – l’eccitazione sale, sale, sale e diventa, esattamente come quando avevo otto anni io, magia pura.

Anche per questo ho ceduto su due fronti: niente Machete Order, ma ordine degli Episodi (utile per capire se la trilogia “vera” perdeva forza) e ne abbiamo visti in inglese solo due (Episode I, per troppa bruttezza e Episode V, per troppa bellezza).

È stato un regalo, un regalo vero. La sua eccitazione e la sua agitazione mi hanno riconciliato anche con la trilogia tarocca, ed è tutto dire. Ma rivedere film così vecchi con un bambino così cinefilo mi ha fatto un regalo professionale non da poco, e cioè mi ha dimostrato ancora una volta il potere della riconoscibilità visiva, anzi, sensoriale. Nei primi venti minuti di Star Wars (1977) infatti ci sono e lui li ha riconosciuti al volo: i Minions, Wall-e e la fascinazione per le gif animate. Ecco le prove.

Mafe ma sono i Minions!

Mafe ma c’è anche Wall-E!

Ecco da dove vengono le gif animate! (ok, questo l’ho detto io)

Vuoi le coccole al lunedì mattina?

E poi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
Tutti i campi sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>