Corsi Vitamina, integratori di creatività

Iscriviti a uno dei miei corsi, più ne fai, meno paghi :-)

In un’epoca lontana lontana, fino a circa 5/6 anni fa, le persone scrivevano articoli, scattavano foto, giravano video, li sistemavano, li rifinivano, li pubblicavano. Nel pubblicarli potevano – se consapevoli della loro esistenza – scegliere una licenza Creative Commons diversa dal copyright e chi voleva ripubblicare quei contenuti poteva farlo in modo più agile e veloce.

Oggi il diritto d’autore non è cambiato e la diffusione delle licenze Creative Commons ancora meno, ma sempre di più noi pubblichiamo mentre produciamo un contenuto e non in un secondo momento (pensate a Twitter, a Instagram, a Vine) e se vogliamo ripubblicare un contenuto altrui non dobbiamo prelevarlo da un server e caricarlo da un altro: lo share, l’embed e le API permettono di ospitare un contenuto senza spostarlo, con il non secondario effetto per l’autore di godere non solo dell’aumentata visibilità ma anche, nel caso dell’embed di un aumentato traffico. Lo share e l’embed in un certo senso incorporano l’attribuzione della paternità del diritto d’autore e impediscono le manipolazioni del contenuto, migliorando nettamente la situazione del rispetto della paternità dell’opera.

A margine di una discussione in merito su Twitter e, anche dopo aver letto l’utilissimo libro di Elvira Berligieri “Evitare i rischi dei social media”, mi chiedo e vi chiedo se le licenze Creative Commons non potrebbero prendere in considerazione queste nuove possibilità di distribuzione, soprattutto su piattaforme che – a differenza per esempio di Flickr e YouTube – non lasciano liberi gli utilizzatori di scegliere la licenza con cui distribuire i contenuti.

Vuoi le coccole al lunedì mattina?

E poi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
Tutti i campi sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>