Privacy e informativa sull’uso dei dati

Cookies

I cookies sono informazioni che i siti registrano sulla memoria del computer, smartphone o tablet che usi per navigare: possono servire a vari scopi, fra cui salvare le tue preferenze, permetterti di acquistare prodotti da un ecommerce o riconoscerti quando torni sul sito, in modo che tu, per esempio, non debba ogni volta fare login. Cookie vuol dire «biscotto» ed esattamente come i biscotti veri i cookie possono essere freschi, sani e buonissimi o vecchi, conservati mali e farciti di conservanti.

Su questo sito cerchiamo di sfornare cookies freschi, anche se quasi sempre devo comprarli dal panificio o al supermercato e quindi a mia volta fidarmi di loro. Uso dei cookie tecnici per ricordare se ti ho informato dell’esistenza dei cookies, o se invece devo ricordarti che li usiamo e invitarti a leggere questa informativa.

Altre informazioni che possono interessarti:

  • nel sito uso Akismet, un servizio di WordPress che argina lo spam; qui puoi leggere la privacy policy di Automattic, l’azienda che produce WordPress;
  • per permetterti di rilanciare i miei post sui social media e per tracciare i rilanci uso AddThis;
  • in fondo alle pagine e ai post ci sono i pulsanti di condivisione sui social network Facebook, Twitter, LinkedIn e GooglePlus, e in certi casi faccio l’embed di contenuti da YouTube, Instagram, Slideshare;
  • tutte queste piattaforme usano i propri cookies per riconoscerti, se stai navigando dopo esserti collegato ai tuoi account, ma io non ho accordi con nessuno di loro e non sono in grado di vedere come usano i tuoi dati; per maggiori informazioni, naviga alle relative privacy policy: FacebookTwitterLinkedIn (per LinkedIn e Slideshare), Google (per GooglePlus e YouTube), Instagram
  • uso Google Analytics per avere, in forma anonimizzata, le statistiche d’uso del sito.

Nel tuo browser puoi impostare le preferenze di privacy in modo da non memorizzare cookies, cancellarli dopo ogni visita o ogni volta che chiudi il browser, o anche accettare solo i cookies di questo sito e non quelli di terze parti.

Esiste anche un servizio, Your Online Choices, che ti mostra quali cookie installano i vari servizi e come puoi disattivarli, uno per uno.

Iscrizione al blog

Puoi ricevere i post del mio blog via posta elettronica, iscrivendoti alla mia newsletter; se ti sei iscritto per ricevere i post del mio blog, un paio di volte l’anno potrei mandarti anche una newsletter speciale, con aggiornamenti che non pubblico nel blog. Qui sotto puoi leggere come tratto i tuoi dati.

Newsletter

Uso la mia newsletter per spedire, alcune volte all’anno, messaggi con aggiornamenti a cui tengo particolarmente: puoi iscriverti alla newsletter dal modulo della pagina Contatti o in fondo a ciascuno dei miei post.

La newsletter è gestita con MailChimp, e il tuo indirizzo email viene memorizzato sui server di MailChimp e, periodicamente, nei backup che io faccio della mia lista. Qui puoi leggere la privacy policy di MailChimp.

Sono io la titolare e responsabile del trattamento dei dati, che non cedo a nessun altro, per nessun motivo (a meno che tu non mi dia l’autorizzazione per farlo). Puoi cancellarti dalla newsletter in qualunque momento, attraverso il link che trovi in fondo a ciascun messaggio.

Uso del modulo contatti e dei dati inseriti in commenti o contatti

Se mi scrivi dalla pagina Contatti o da uno degli altri form di contatto che trovi sul sito io uso i tuoi dati per risponderti, e così se mi scrivi via posta elettronica o lasci un commento a un mio post. I tuoi dati restano memorizzati nel mio archivio di posta elettronica (Gmail), sul blog se si tratta di commenti e nei miei backup. Sono io la titolare e responsabile del trattamento dei dati, che non cedo a nessun altro a meno che tu non mi autorizzi a farlo.

Se nel tuo messaggio hai dichiarato di voler ricevere aggiornamenti su quello che faccio, o se hai spuntato l’opzione «mandami la tua newsletter» dal modulo Contatti, ti inserisco nella mia mailing list (vedi alla voce Newsletter).

Navigazione nel sito

Anch’io, come milioni di altri proprietari di siti, sono curiosa di sapere quante persone leggono il mio sito, quante pagine vengono aperte, da dove provengono i lettori, e amenità simili.

Per avere questi dati, uso Google Analytics, che è un ottimo servizio gratuito fornito da Google; ho impostato Google Analytics in modo che il tuo indirizzo IP venga anonimizzato, attraverso l’azzeramento dell’ultima parte dell’indirizzo stesso.

Le informazioni generate dal cookie di Google Analytics sull’utilizzo del sito web da parte tua (compresa la prima parte del tuo indirizzo IP) vengono quindi trasmesse a Google e depositate presso i suoi server negli Stati Uniti. Google usa queste informazioni per tracciare e esaminare l’uso del sito da parte dei visitatori, e fornire questi dati, in forma aggregata e mai collegati alla tua identità, attraverso i report di Analytics e i suoi altri servizi informativi (es. Google Trends).

Google potrebbe trasferire queste informazioni a terzi nel caso in cui questo sia imposto dalla legge o nel caso in cui si tratti di soggetti che trattano queste informazioni per suo conto; l’informativa su privacy e uso dei dati di Google Analytics è qui.

Io uso i dati delle analytics per capire meglio cosa ti piace e cosa non ti interessa, e per migliorare i contenuti di questo blog.

Se non vuoi essere tracciato, nemmeno in forma anonima, da questo o da altri siti che usano Google Analytics (ce ne sono milioni online…), puoi scaricare il componente aggiuntivo per disattivare l’invio dei dati di navigazione a Google Analytics: funziona con i browser più diffusi, ed è distribuito gratuitamente da Google.

In conclusione

Grazie per avere letto fino in fondo le spiegazioni su come uso i dati che raccolgo, anche in forma anonima, attraverso il mio sito e grazie ad Alessandra Farabegoli da cui ho mutuato (riadattata) questa privacy policy. Sono d’accordo con lei quando dice che l’attenzione alla privacy sarebbe una cosa bellissima se le norme nel nostro paese non ce la facessero odiare; anch’io, da parte mia, io cerco di usare la tecnologia per essere d’aiuto, e non per infastidire le persone, che sono più importanti di ogni altra cosa.